La collinetta per le deposizioni

Per noi allevatori amatoriali è sempre una grande emozione avere la fortuna di cogliere le nostre tartarughe nel momento della deposizione, vedere con che maestria scavano, utilizzando le loro potenti zampe posteriori, le stesse che, con tanta delicatezza ,accompagneranno le uova nel fondo della buca/nido. Al termine, la tartaruga ricoprirà con delicatezza, rendendo il nido così ben mimetizzato da risultare praticamente introvabile. Questo è l’ultimo atto d’amore materno; da quel momento non avrà più alcun tipo di contatto né con le uova, né con le piccole tartarughine una volta uscite dalle uova. E’ oramai risaputo che, durante la chiusura del nido, la tartaruga è solita orinare rendendo così il terreno ostile per formiche o altri insetti che potrebbero nuocere alle indifese uova. È proprio questa sua maestria nel mimetizzare i luoghi di deposizione che causa dei grossi grattacapi a noi allevatori: molti nidi, infatti, vanno persi o addirittura  viene il dubbio che abbiano saltato la deposizione .Proprio a tal proposito, alcuni vecchi allevatori mi diedero una dritta che per me è stata decisamente risolutiva: una “collinetta speciale”, una scelta irresistibile per le deposizioni delle nostre tartarughe. Condivido volentieri con voi questo consiglio dei vecchi esperti aggiungendo anche alcune foto che spero possano essere di aiuto a molti allevatori.

Come prima cosa va individuata una zona ben soleggiata nel manto erboso all’interno del recinto, e li si fa un cerchio di 50/ 70 cm di diametro. Se necessario, se ne può fare più di uno, a seconda di quanti esemplari femmina sono presenti all’interno del recinto stesso. (Una collinetta può andare bene per 2/ 3  femmine)

 Utilizzando una vanga, si va a smuovere il terreno all’interno del cerchio, per una profondità di circa 20 cm

Una volta terminata la fase di scavo andremo a miscelare il terreno smosso con sabbia e torba naturale in parti uguali, assicurandosi preventivamente che non siano presenti concimi. Il mix, avrà un colore scuro.

Con L’aiuto di una tavola o frattoncino utilizzato in edilizia andremo a compattare il nostro mix andando così a formare una collinetta ben battuta all’interno del cerchio.

Come ultima cosa sarà utilissimo spargere della sabbia su tutta la superficie della collinetta, assumerà così un colore chiaro. 

La nostra collinetta sarà irresistibile per le nostre tartarughe perché, grazie alla sua pendenza, le operazioni di scavo saranno sicuramente agevolate così come la morbidezza del terreno che avremo preparato. Utile per noi per individuare le uova perché l’operazione dello scavo porterà sicuramente in superficie il terreno scuro, rendendo così ben visibile la zona interessata. Raramente infatti , qualche esemplare preferisce la privacy di un cespuglio o altro per la sua deposizione.

Autore: GPaolo

www.tartaweb.it

4 thoughts on “La collinetta per le deposizioni”

  1. Anche io all esterno del recinto delle elegans ho alzato il livello del terreno di circa 20cm e vedro’ cosa succedera’

    1. Buongiorno Augusto73 avrei un quesito la mia tarta ieri ha scavato una buca lasciandola senza uovo vorrei sapere se deporrà o se lo fa solo per istinto(nn lo aveva mai fatto)Non avendo l’incubatrice come potrei fare perchè tutto vada a buon fine?grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.